Ecco uno di quei piatti che non mi stancherei mai di mangiare! Questo pesto delizioso lo abbiamo fatto durante il corso del Dottor Berrino ed è veramente buonissimo!

Ingredienti:

PER IL PESTO:

200 gr di foglie di cavolo nero

80 gr di mandorle non pelate

2 cucchiai di succo di limone

3 – 4 cucchiai circa di olio extra vergine di oliva

1 pizzico di pepe nero

3 cucchiai di panna di soia o latte di mandorle

Sale marino integrale

Per 4 persone:

280 – 300 gr di riso integrale a vostra scelta (io ho usato Balilla, marca Ecor – NaturaSi)

Scorza di limone (facoltativo)

 

Procedimento:

Lavate le foglie di cavolo nero e togliete la costa centrale. Cuocete le foglie in acqua bollente salata per 6 minuti, scolatele e raffreddatele velocemente in acqua fredda. Posizionatele su carta assorbente per togliere l’acqua in eccesso.

Tostate le mandorle in forno o in padella e una volta raffreddate tritatele non troppo finemente. Aggiungete le foglie di cavolo ben strizzate, l’olio evo, la panna di soia (o il latte di mandorle), un pizzico di pepe e il sale marino integrale. Date una prima frullata e assaggiate. Aggiungete ora il succo di limone. Se serve aggiungete ancora olio e frullate nuovamente.

Questo pesto è buonissimo anche servito su pane abbrustolito e strofinato con aglio oppure su quadrotti di polenta caldi.

A parte cuocete il riso integrale in abbondante acqua salata. Scolatelo circa 8 minuti prima rispetto al tempo di cottura indicato sulla confezione. La cosa importante è NON buttare l’acqua di cottura. Essenso ricca di amido ci servirà per mantecare il nostro risotto.

In pentola antiaderente mettete il vostro riso, aggiungete il pesto, un filo di olio e due mestoli di acqua di cottura. Facciamo saltare il riso in modo che resti bello morbido e cremoso. Continuate ad aggiungere acqua fino a cottura ultimata. A riso pronto l’acqua dovrà essere assorbita e il pesto deve essere una crema morbida perfettamente legata. A piacere aggiungete scorza di limone grattata prima di servire in tavola.

Buon appetito!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *