KANTEN LIMONE E ZENZERO O PERE E VANIGLIA?

Nella sua semplicità, la Kanten è stata una delle cose che più ho apprezzato nel corso professionale di Cucina Macromediterranea al quale ho partecipato lo scorso anno con La Grande Via.

Innanzitutto… cos’è la Kanten?

E’ una gelatina di frutta che, frullata, diventa una morbidissima crema da gustare al cucchiaio. E’ leggera, fresca e può essere mangiata anche quotidianamente.

Viene preparata utilizzando l’agar agar (chiamata dai giapponesi “kanten”), un’alga rossa insapore (gelidium corneum), ricca di mucillagini, con molte proprietà:

  • Lubrifica l’intestino, ha azione lassativa e depurativa e favorisce la regolarità intestinale (utile anche in caso di colite)
  • Favorisce l’espulsione delle tossine dal corpo
  • Aiuta a combattere il diabete
  • Contribuisce a dare il senso di sazietà
  • Stimola la tiroide grazie al contenuto di iodio, aumenta il metabolismo e aiuta il dimagrimento
  • È rilassante
  • E’ ricca di calcio, ferro e vitamine del gruppo A, B, C, E e K
  • Ha un ridotto apporto calorico
  • E’ naturalmente priva di glutine

L’agar agar si ottiene essiccando le alghe. Vengono lavate e bollite al fine di estrarne le sostanze gelatinose, ovvero fibre idrosolubili, da utilizzare come gelificante in cucina, sia per le preparazioni dolci sia per quelle salate (ad esempio budini, gelatine, gelati, aspic di verdure).

Creare una gelatina con l’agar-agar è semplicissimo: occorre scaldare il liquido nel quale avrete disciolto l’alga in polvere; prima che il liquido raggiunga il bollore, mescolare energicamente con un frustino, e continuare per almeno 6-7 minuti dal bollore. Quello in polvere ha un potere gelificante maggiore, e per questo va fatta attenzione nel dosaggio; generalmente, vale la regola che per un litro di liquido (bollente) servono da 4 a 6 grammi di agar-agar in polvere (un cucchiaino più o meno raso). Una volta messo in frigorifero, in poco tempo il composto diverrà gelatina. Poiché ogni agar-agar reagisce in maniera diversa, è consigliabile provare vari dosaggi e diverse marche.

La ricetta che trovate anche sui libri del Dottor Berrino viene preparata con limone e zenzero ma nulla vi vieta di liberare la vostra fantasia e provarla con tutta la frutta che più vi piace. Pensate a quest’estate, quante cose si possono preparare con tutta la varietà che offre questa stagione? Non vedo l’ora!

Qui vi lascio due ricette: la versione “originale” e quella con pere e vaniglia.

Pronti per questa deliziosa e sana bontà? Ecco la ricetta!

Ingredienti per la versione *** LIMONE E ZENZERO *** :

  • 1 lt di succo di mela limpido (non dolcificato) – Io ho usato quello biologico della Ecor, potete farlo anche con l’estrattore
  • 12 gr di agar agar in filamenti oppure 3 cucchiaini di agar agar in polvere (io uso quello di Rapunzel)
  • Scorza grattugiata di un limone (solo scorza, no la parte bianca)
  • Succo di mezzo limone
  • Succo di zenzero
  • un pizzico di sale marino integrale
  • mandorle o nocciole tostate per servire

Procedimento:

Portate ad ebollizione il succo di mela con l’agar agar, la scorza del limone e un pizzico di sale. Dal bollore, cuociamo, sempre mescolando, 10 minuti se l’agar agar è in filamenti, 5 minuti se utilizzate quella in polvere. Travasiamo il liquido in un contenitore e aggiungiamo il succo del limone e il succo di zenzero.

Sapete come fare per il succo di zenzero? Grattugiate un pezzetto piccolo di zenzero, prendetelo nelle mani e strizzate.

Mescolate bene, lasciate risposare e, non appena raffreddato, mettete in frigorifero. Una volta rappreso, potete frullarlo con il minipimer (o con il Bimby) fino a quando non otterrete una mousse perfettamente liscia e morbida. Per metterlo nei bicchierini monoporzione io uso una sac à poche usa e getta, è molto più semplice e veloce!

Servite con granella di mandorle o nocciole tostate.

 

Ingredienti per la versione *** PERE E VANIGLIA *** :

  • 4 pere
  • Succo di mela limpido qb
  • 12 gr di agar agar in filamenti oppure 3 cucchiaini di agar agar in polvere
  • un pizzico di sale marino integrale
  • un cucchiaino di vaniglia in polvere (oppure una bacca di vaniglia incisa)
  • granola di grano saraceno (ricetta qui)

Procedimento:

Ho preparato l’estratto di pere (ne sono usciti circa 600ml). Per arrivare al litro ho aggiunto succo di mela limpido.

Portate ad ebollizione il succo di pera e mela con l’agar agar, la vaniglia in polvere (se usate la bacca incidetela e con il coltello estraete la polpa interna) e un pizzico di sale. Dal bollore, cuociamo, sempre mescolando, 10 minuti se l’agar agar è in filamenti, 5 minuti se utilizzate quella in polvere. Travasiamo il liquido in un contenitore, lasciate risposare e, non appena raffreddato, mettete in frigorifero. Una volta rappreso, potete frullarlo con il minipimer (o con il Bimby) fino a quando non otterrete una mousse perfettamente liscia e morbida. Per metterlo nei bicchierini monoporzione io uso una sac à poche usa e getta, è molto più semplice e veloce!

Servite con granola di grano saraceno.

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui tuoi canali social:
Premi INVIO per cercare o ESC per annullare