La frittata di ceci è un jolly molto versatile. Puoi realizzarla in tantissime varianti. In primavera ti consiglio di prepararla con gli asparagi.

Se non li usi nella tua cucina, ti consigli di lettere il mio post dedicato, hanno tantissime proprietà benefiche per l’organismo: SUPER ASPARAGI DETOX

Come preparare la frittata perfetta?

Ci sono alcuni “segreti” da seguire:

  • usa sempre i semi di chia: fanno la differenza! La frittata resta molto più morbida!
  • usa una teglia che ti permetta di tenere l’impasto ad un’altezza di circa 2 cm
  • non cuocerla troppo altrimenti rischi di seccarla: quando vedi i bordi dorati è pronta. Fai la prova stecchino al centro. Nel mio forno impiega dai 25 ai 30 minuti, a seconda del tipo di verdura che utilizzo. Non tagliarla quando è bollente, lasciala almeno intiepidire in modo che si rapprenda
  • lascia riposare la pastella di ceci qualche ora in frigorifero in modo che sia ancora più digeribile (opzionale)

Dove trovo gli ingredienti?

Io trovo diversi prodotti su Macrolibrarsi. E’ un’azienda italiana etica e sostenibile: ordini online e la spesa arriva comodamente a casa tua.

Ti lascio qui i link degli ingredienti che ho utilizzato per questa ricetta:

SEMI DI CHIA

SEMI DI SESAMO

FARINA DI CECI

CURCUMA IN POLVERE

Passiamo alla ricetta!

Ricetta vegana Ricetta senza uova Ricetta senza lattosio Ricetta senza glutine

5 da 1 voto

FRITTATA DI CECI CON ASPARAGI

Preparazione30 min
Cottura30 min
Portata: Appetizer
Cucina: Italiana
Porzioni: 6 persone
Chef: Claudia Zannini

Ingredienti

  • 200 g farina di ceci
  • 300 ml acqua naturale
  • 3 cucchiai semi di chia (non ometterli, rendono la frittata morbidissima)
  • 1 cucchiaino curcuma in polvere
  • 1 cipolla rossa
  • 1 mazzo asparagi (15-20 pezzi)
  • qb sale fino
  • qb olio extra vergine di oliva
  • qb semi di sesamo

Strumenti

  • teglia rotonda da pizza
  • carta forno

Istruzioni

  • Prepara la pastella. In un frullatore metti farina di ceci, acqua, curcuma, 2 pizzichi di sale e 2 cucchiai di olio. Frulla fino ad ottenere una crema omogenea. Tieni da parte a riposare
  • Metti in un pentolino dell'acqua, portala a bollore e aggiungi sale. Dividi la parte superiore degli asparagi dai gambi. Metti le punte nell'acqua e cuocile per 3 minuti. Scolale con delicatezza e tieni da parte
  • Pulisci i gambi. Togli l'ultimo centimetro finale duro e legnoso. Pulisci i gambi con un pelapatate. Tagliali per la lunghezza e poi in senso trasversale, formando dei piccoli quadratini
  • Taglia la cipolla finemente. In pentola antiaderente metti olio extra vergine di oliva. Aggiungi la cipolla e i gambi degli asparagi. Regola di sale e fai saltare a fiamma vivace qualche minuto mescolando
  • Spegni, aggiungi la pastella e i semi di chia. Mescola bene per amalgamare il tutto.
  • Fodera con carta forno la tua teglia e versa la pastella. Livellala bene e decora in superficie mettendo le punte degli asparagi a raggiera. Aggiungi un filo di olio, i semi di sesamo e inforna a 180 gradi ventilato per 30 minuti
  • Quando è pronta mettila su una gratella a raffreddare. Puoi decidere se tagliarla a fette oppure a quadrotti.

Note

La frittata di ceci è molto versatile. Seguendo la stagionalità puoi realizzarla con verdure diverse, secondo i tuoi gusti e la tua fantasia! 
Conservala in frigorifero, in contenitore ermetico, e consumala entro 3 giorni. Puoi anche congelarla.
 
Stampa ricetta

2 commenti
  1. Sabrina
    Sabrina dice:

    5 stars
    Ciao posso utilizzare le zucchine? In quel caso la dose di acqua della ricetta rimane invariata? Le zucchine devo grigliarle prima o le lascio crude?

    Rispondi
    • Claudia
      Claudia dice:

      Ciao Sabrina! Trovi sul sito anche la ricetta della frittata di ceci con verdure, dove uso le zucchine. Le dosi di acqua della pastella non cambiano. Le zucchine le grattugi e le salti in padella con un filo di olio e lo scalogno tritato. Non aggiungere acqua, mettendo un pizzico di sale rilasciano la loro stessa acqua!

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *