OLIO EVO: SCEGLIAMOLO DI QUALITA’

oli extra vergine di oliva
Amo le persone che credono in quello che fanno, quelle che ci mettono tutta la loro passione e il loro impegno. Più che un’attività lavorativa risulta essere una “missione”, un credo da condividere con sempre più persone. Sto parlando di Beatrice Peruzzi, titolare dell’azienda biologica Bertarello, produttrice di un olio extra vergine di oliva meraviglioso. Il suo olio è come lei: spontaneo, sincero, autentico. Sto facendo pubblicità? Si, gratuita. È un messaggio disinteressato, da una consumatrice abituale ed entusiasta.

Giulia Enders, nel suo libro “l’intestino felice”, scrive:

Chi spende qualche euro in più per un olio di oliva extra vergine spremuto a freddo, intinge la sua baguette in un balsamo per il cuore e per i vasi sanguigni. Numerosi studi dimostrano che l’olio di oliva può proteggere dall’arteriosclerosi, dallo stress cellulare, dall’Alzheimer e dalle malattie degli occhi (per esempio dalla degenerazione maculare). Inoltre, è utile in caso di malattie infiammatorie, come l’artrite reumatica, e per la prevenzione di certi tipi di cancro. E, udite udite, tutti voi che temete i grassi: l’olio di oliva è potenzialmente in grado di combattere i rotolini indesiderati! Infatti, blocca un enzima del tessuto adiposo, l’acido grassi sintasi, che tende a produrre grasso con i carboidrati in eccesso. L’olio di oliva non giova solo a noi, bensì anche ai batteri benefici dell’intestino.

Quali accorgimenti bisogna seguire per acquistare un “buon” olio extra vergine di oliva?

  • Preferitelo biologico, spremuto a freddo. Cosa significa “spremuto a freddo”? È una spremitura meccanica, definita da parametri europei, che non prevede l’innalzamento della temperatura delle olive durante la produzione. In questo modo si incrementa la qualità dell’olio ma si ha un calo della produzione, in termini quantitativi;
  • Controllate che sia 100% italiano;
  • Verificate in etichetta la presenza delle sigle IGP (Indicazione Geografica Protetta) o DOP (Denominazione d’Origine Protetta);
  • Controllate il prezzo: è difficile che sia buono un olio extravergine sotto i 10 o 12 euro a bottiglia (¾ di litro). In linea generale diffidate sempre dai prezzi bassi e dalle “offerte”.

Quali sono le caratteristiche dell’olio extra vergine di oliva?

  • Ha un elevato punto di fumo, ovvero produce tossine a temperature più elevate rispetto agli altri oli. La cottura con olio extravergine riduce il possibile rischio di sviluppo di sostanze cancerogene, tra cui l’acroleina;
  • È ricco di grassi monoinsaturi. Ha una composizione lipidica con un’alta percentuale di acido oleico, un acido grasso monoinsaturo di elevate proprietà dietetiche;
  • Contiene antiossidanti tra cui idrossitirosolo, tirosolo e oleuropeina. Contiene anche carotenoidi, tocoferoli (vitamina E) e fosfolipidi. Le proprietà antiossidanti garantiscono all’olio extravergine di oliva una buona resistenza all’ossidazione, in assoluto superiore rispetto agli altri oli di semi i quali, assorbendo più velocemente l’ossigeno, si conservano con più difficoltà. È inoltre in grado di bloccare la formazioni di radicali liberi e perossidici, responsabili dell’invecchiamento cellulare.

Quali sono i vantaggi preventivi e curativi che apporta al nostro organismo?

– Riduce la percentuale di colesterolo “cattivo” LDL;

– Riduce i rischi di occlusione delle arterie e previene l’arteriosclerosi;

– Riduce la pressione arteriosa;

– Riduce il tasso di zucchero nel sangue;

– Aumenta la secrezione di bile;

– Aumenta l´apporto di Vitamine A, D, E e facilita l’assorbimento delle altre vitamine.

L´olio extra vergine d´oliva è adatto a chiunque, a qualsiasi età. È consigliabile utilizzarlo a crudo, per apprezzarne ed assimilarne le qualità. Immaginate una bella insalata oppure una buona zuppa o minestra. Non esiste modo migliore di un buon filo d’olio per esaltarne le caratteristiche e i sapori.

L’olio extra vergine di oliva è grasso?

Non esistono oli “magri”, neppure “leggeri”. L’olio extravergine di oliva contiene, come qualsiasi altro olio vegetale, lo stesso quantitativo energetico e lipidico. Gli oli forniscono all’organismo    9 kcal al grammo. Bisogna però dire che l’olio extra vergine di oliva ha un sapore più ricco e deciso, condisce meglio e quindi se ne usano quantità inferiori rispetto ad altri oli.

Per prevenire l’ossidazione e irrancidimento è importante conservare l’olio in bottiglie di vetro scure o in confezioni di latta, lontano da fonti di luce e calore.

Alle persone che mi dicono: “ma l’olio che usi è caro!” di solito rispondo così: “basta preparare una sera al mese la pizza fatta in casa, anziché andare in pizzeria, e hai già recuperato il costo dell’olio, a tutto vantaggio della tua salute e del tuo benessere”.

Iniziamo a fare scelte consapevoli. #IOLOVOGLIO

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui tuoi canali social:
Premi INVIO per cercare o ESC per annullare