CHI SI PULISCE LA LINGUA?

Sicuramente tutti laviamo i denti più volte al giorno e utilizziamo regolarmente il filo interdentale. Quello che in pochi sanno è che anche la lingua necessita di essere pulita. Durante la notte, quando la produzione salivare cala e la bocca resta chiusa, il processo di decomposizione batterica, principale responsabile dell’alitosi, viene potenziato. Non basta lavarsi i denti per eliminare i batteri.

Provate a mettervi davanti allo specchio ed osservate la vostra lingua. Noterete una patina bianca che, in certi casi, resta per tutta la giornata. Il colore della lingua dovrebbe essere rosato.

E’ buona abitudine procedere, ogni mattina, alla pulizia della lingua. I batteri accumulatisi durante la notte possono dare corso ad infezioni non solo al tratto respiratorio ma anche entrare in circolo nell’intero organismo.

Dovete passare il “nettalingua” più volte partendo dal fondo verso l’esterno, con un movimento delicato, asportando tutto ciò che si è depositato durante la notte. Ad ogni passaggio sciacquatelo bene sotto acqua corrente.

Questo “rito” mattiniero vi darà una bocca più pulita e vi aiuterà a migliorare l’alito.

Naturalmente non dovete utilizzarlo se sulla lingua avete vesciche, tagli o altre infiammazioni.

La tradizione ayurvedica lo prevede in rame o acciaio inox (io preferisco quest’ultima versione perché in rame tende ad ossidarsi). Il costo è veramente basso e lo trovate sia in internet, negozi di prodotti naturali o erboristerie.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui tuoi canali social:
Premi INVIO per cercare o ESC per annullare