Spazzolarsi a “secco”, la mattina, senza utilizzare creme e oli, è un ottimo massaggio riattivante per il tuo corpo.

Strofinando giornalmente la pelle favorisci l’eliminazione degli acidi e delle tossine accumulatesi durante la notte e manterrai il corpo sano e pulito.

Provare per credere! Personalmente ho imparato a “sentire” dove è necessario un massaggio più vigoroso e dove è abbastanza un passaggio delicato della spazzola. L’epidermide resta morbida, compatta, sentirete la pelle calda e leggermente arrossata (è un buon segno, significa che funziona!) con una piacevole sensazione di leggerezza.

I vantaggi sono molteplici:

  • È un’ottima pratica anti cellulite
  • Migliora la circolazione sanguigna
  • La linfa sarà facilitata nell’eliminazione delle tossine
  • Tonifica e rassoda la pelle
  • Rimuove le cellule morte e le impurità favorendo il ricambio cellulare
  • Aumenta le difese immunitarie
  • È un ottimo “riscaldamento” prima di fare sport

Inizia sempre a fare dei piccoli cerchi concentrici restando più delicata dove la pelle è sottile (pancia, interno cosce, interno delle braccia) e più vigorosa dove la pelle lo permette. E’ importante seguire sempre il senso della circolazione e spazzolare verso il cuore. Ricordati che la linfa si muove sempre in direzione del cuore, non andiamo in senso opposto!

Parti dai piedi verso il bacino, dalle mani verso le spalle e dalla pancia verso il petto. Gli stessi movimenti vanno fatti sia davanti che dietro.

Se hai problemi cutanei devi fare attenzione a non toccare i punti che presentano nei evidenti, ferite, eczemi o psoriasi irritate, etc.

Il massaggio dovrebbe durare una decina di minuti ed è molto importante la regolarità.

Cerca di farlo tutti i giorni. In poco tempo sentirai e vedrai la differenza.

Scegli una spazzola con setole naturali e non sintetiche.

La mia l’ho presa da Embio, ti lascio il link qui!

Al temine del massaggio fatevi una doccia e, se possibile, non usate saponi. Tamponate la pelle con delicatezza e siete pronti a partire!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *