PESTO AL CAVOLO NERO

copertina
È la prima volta che preparo il pesto al cavolo nero. L’ho sempre usato per guarnire delle gustosissime bruschette oppure tagliato sottile a crudo in una bella insalata. Poi qualche giorno fa Claudia di Insolito menù ha pubblicato la ricetta e quel bellissimo colore verde non è più uscito dalla mia testa! L’ho fatto in versione vegetale, senza usare prodotti animali. Ecco a voi la mia ricetta, posso solo dirvi che è veramente gustoso e delicato!

Ingredienti (per 4 persone):

320 gr di spaghetti integrali (io considero sempre 80gr a persona ma se volete abbondare.. fate voi!)

1 mazzetto di cavolo nero (non l’ho pesato a crudo. Vi ho fatto la foto sia del cavolo crudo che cotto, in modo da regolarvi)

1 cucchiaino (quelli piccoli da caffè) di sale fino

pepe qb

3 cucchiai di olio extra vergine di oliva + un filo a pasta pronta

70 gr di mandorle pelate

80 gr di panna di soia

qualche pomodorino essiccato (facoltativo)

1 tazza di acqua di cottura della pasta (prelevatela prima di scolare gli spaghetti)

 

Procedimento:

Pulite bene le foglie di cavolo nero. Lessatele in acqua bollente salata per  5 – 6 minuti.  Scolatele e raffreddatele in acqua fredda. Posizionatele su carta assorbente.

Fate tostare in forno le mandorle. Mettetele sulla placca su carta forno a 180° per circa 5-7 minuti (dipende da forno a forno: dovete controllarle. Appena vedete che si dorano e sentite il profumo, sono pronte!). Tenete da parte una decina di mandorle (che triteremo grossolanamente a coltello) per decorare il piatto.

Strizzate le foglie di cavolo per eliminare l’acqua in eccesso e mettete nel frullatore (o nel bimby) insieme a 3 cucchiai di olio, le mandorle e il sale. Frullate una prima volta (bimby 15 sec vel 10), aprite e con una spatola pulite le pareti del robot per riportare tutto il composto verso il fondo. Aggiungete ora la panna (io uso quella della Provamel – vedi foto sotto) e frullate nuovamente.  A mio gusto, non ho voluto creare una crema troppo liscia perché amo sentire i pezzettini di mandorle, frullate fino alla consistenza da voi desiderata. Assaggiate e regolate di sale, aggiungete una macinata di pepe e, se necessario, ancora un filo di olio.

Cuocete gli spaghetti e, prima di scolarli, prelevate una tazza di acqua di cottura. Vi servirà per amalgamare il pesto con la pasta.

Unite gli spaghetti al pesto, aggiungete l’acqua di cottura piano piano fino ad arrivare alla cremosità ottimale e impiattate mettendo un filo di olio, mandorle tritate e pomodori essiccati.

Una delizia!

Nota: l’aglio starebbe sicuramente bene nella ricetta.. io non l’ho messo per evitare problematiche “comunicative”… se la mangiate un giorno in cui siete a casa tranquilli deve essere fantastico!

1

2

 

4

5

6

7

8

9

10

 

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui tuoi canali social:
Premi INVIO per cercare o ESC per annullare