CAFFE’, MEGLIO IL CHICCO CRUDO

Il caffè. Lui, l’irrinunciabile. Quanti di voi non ne possono fare a meno? Io sono la prima che ogni tanto lo beve volentieri. La mia però non è una dipendenza. Posso benissimo farne a meno. Me ne accorgo perché, se non sono in ufficio o in compagnia, non lo cerco, non mi manca. Questo è il rapporto sano che tutti dovrebbero avere. Come ogni cosa, l’abuso fa sempre male.

Anziché dilungarmi su inutili disquisizioni in merito agli effetti collaterali del caffè vorrei soffermarmi su un altro aspetto, per farvi riflettere.

Tutte le decantate proprietà del caffè si riferiscono al chicco non lavorato. I chicchi ancora verdi infatti, sono particolarmente ricchi di antiossidanti, in particolare un polifenolo chiamato acido clorogenico (CGA), vitamine del gruppo B, acido tannico e altre sostanze con effetti benefici al nostro corpo.

Aspettate a cantare vittoria, non vi sto dicendo di bere il vostro solito espresso, continuate a leggere!

Torniamo ai nostri chicchi verdi: hanno una dose minore di caffeina a rilascio lento e continuo. In questo modo si evitano picchi dannosi e si gode più a lungo dei benefici della caffeina. Non ultimo, il pH del caffè verde (pH 5) è meno acido di quello tostato (pH 3-3,5), con un impatto meno lesivo sulla mucosa gastrica. Non eccedete mai la tazzina/due al giorno, preferibilmente al mattino o entro pranzo. E’ controindicato alle donne in gravidanza e ai bambini.

Favorisce la digestione e alcuni studi hanno osservato una riduzione nell’assorbimento dei grassi. Non credo nell’assunzione del caffè verde in capsule come integratore, miracoloso per perdere peso. Nessuna pillola può sostituire un’alimentazione sana e variata e una regolare attività fisica! Non lasciatevi ingannare!

Il caffè verde lo trovate in vendita nei negozi biologici (al banco bar di Piacere Terra Bio potete gustarlo all’anice… buonissimo!) o in erboristeria, in bustine o in polvere. Mi raccomando prendetelo sempre biologico e proveniente da colture etiche. Settimana scorsa sono stata a pranzo al punto vendita di Arcore e me lo hanno fatto provare. Sono riuscita a berlo senza aggiungere nessun dolcificante e mi ha sorpreso l’aroma. Si sentiva il gusto del caffè senza il retrogusto amaro/bruciato di quello nero. L’ho trovato leggero e l’ho digerito benissimo.

 

Be first to comment